coordinate d’oriente

Naufraghi in un mare d’odio
Pietro e Jin si salvano con l’amore
con il lavoro e con la musica
ma non basta
nel labirinto di Shanghai si perdono.
La scoperta di un mondo
il riscatto di un uomo
il coraggio di una donna

Coordinate d’oriente è un romanzo che ho iniziato a leggere in questi giorni. Perissinotto lo ho conosciuto lo scorso anno, tra i finalisti del premio Strega con Le colpe dei padri, ambientato in una Torino in crisi di lavoro e crisi generazionale…
Riscopro, in questo romanzo, più certezze che dubbi.

Alla fine, ma sono solo all’inizio, è una storia d’amore, non so se finirà bene, ma è l’ennesina dimostrazione che l’amore è la forza che muove il mondo.

Trinciato Forte

Il mio prossimo tabacco da assaporare…

Il Trinciato Forte! Il celebre, storico trinciato Forte, detto anche “di prima” per distinguerlo dal trinciato Comune (“di seconda”). E’ probabilmente il più famoso tabacco per pipa italiano, assieme all’Italia. I tre citati finora condividono la base di kentucky mild italiano, praticamente lo stesso tabacco del sigaro Toscano.

E’ il tabacco “dei vecchi”, nel senso più nobile del termine… cioè dei saggi, di quelli che badavano alla sostanza senza lesinare sulla qualità.

Costa poco perché è semplice da produrre, non è una miscela sofisticata, la confez. è da 40 g, ma per i miei gusti è un trinciato assolutamente unico. Il nome non deve spaventare: effettivamente è relativamente forte, ma non lo trovo più forte di una buona English Mixture.

Pensavo adirittura di farne una recensione.

Le caratteristiche, in breve: è un tabacco scuro, naturale, ed è tranciato piuttosto fine poiché viene (meglio dire veniva) usato anche per fumarlo nelle sigarette arrotolate. Ha un gusto particolare, ricco di sfumature che si apprezzano solo dopo averlo fumato per un po’ di tempo; solo cioè dopo aver “imparato” a leggerne le caratteristiche. E’ “tutta sostanza”, appunto: nessun profumo particolare, nessun aroma raffinato ma un sapore spiccato ed unico.

Ha il pregio, non avendo sapori “predominanti”, di valorizzare moltissimo la pipa in cui viene fumato e di garantire una fumata asciutta e tranquilla (sempre che si fumi senza fretta). E’ l’ideale per una bella pipa curva.

Difetti? E’ facile trovarlo secco nella confezione (conviene quindi umidificarlo leggermente, ma non troppo) e chi ti sta attorno raramente ne gradisce l’aroma (come per il Toscano). Ti consiglierei di provare prima il trinciato Comune, che altro non è se non un Forte più leggero. Entrambi questi tabacchi, poi, sono eccezionali da miscelare agli aromatici, per intenderci danno risultati pregevoli con i Cavendish.

Come si sarà capito, sono uno degli amatori di Forte e Comune (probabilmente perché adoro il Toscano): fumarli dopo una generosa cena a base di grigliata di carne è un’esperienza indimenticabile.

dal forum fumare la pipa